Piramidi di Güímar, il mito di Tenerife

piramidi di guimar tenerife
Piramidi di Güímar – Foto: elchikiplan.com

Il miglior sito per volare low cost

Le piramidi di Güímar, a Tenerife, si trovano nell’omonimo municipio distante appena 26 Km dal capoluogo Santa Cruz.

In questo caso, parliamo di sei costruzioni a scaloni orientate astronomicamente con il solstizio d’estate e di inverno molto più simili alle piramidi degli Aztechi e dei Maya rispetto a quelle egiziane.

Queste piramidi rappresentano un grande mistero in tutte le Canarie, perché ad oggi non ci sono ancora dati certi su chi e quando le abbia costruite, ma solo teorie e supposizioni.

Il mistero delle piramidi di Güímar deriva dal fatto che, i Guanches, la popolazione autoctona di Tenerife prima della conquista spagnola, non erano un popolo molto evoluto, anzi, tutto il contrario: essi nel Medioevo vivevano ancora nelle caverne, sostenendosi di agricoltura e pastorizia e vestendosi con pelli di animali.

Quando arrivarono gli spagnoli, i conquistadores si resero subito conto che essi erano forse l’unica e l’ultima popolazione ferma all’età della pietra… pertanto, come avrebbero potuto costruire delle piramidi così evolute e sofisticate simili a quelle ritrovate in Mesopotamia e Sud America?

Storia delle Piramidi di Güímar

piramidi di guimar storia
Piramidi di Güímar – Foto: P. Rogondino

Spendi meno per un Hotel

Fino al 1991, a Tenerife si è sempre creduto (erroneamente) che le Piramidi di Güímar altro non fossero che degli ammassi di pietre accatastati dai contadini locali per liberare i propri campi durante l’aratura o l’allevamento della cocciniglia.

In pochi però si sono chiesti il perché, dei cumuli di inutili pietre fossero stati levigati, organizzati in forma piramidale a scaloni, e soprattutto posti su un terreno appositamente spianato!

Sempre nello stesso anno, il grande antropologo norvegese Thor Heyerdahl dimostrò al mondo che queste non erano dei semplici ammassi casuali di pietre (anche un cieco se ne sarebbe accorto) ma il risultato di un complesso di piramidi costruite con pietre laviche lavorate (e quindi non trovate nel terreno) ed orientate astronomicamente.

Sempre secondo l’antropologo, le Piramidi di Güímar sono la testimonianza lampante del fatto che gli uomini abbiano viaggiato tra Europa e le Americhe molto prima della scoperta di Colombo nel 1492.

E‘ risaputo che le Canarie, trovandosi un po‘ sopra al 28° parallelo, da sempre sono la via marittima più breve per arrivare al nuovo mondo, proprio come aveva fatto il navigatore genovese.

Probabilmente, sono stati addirittura gli “americani”, in una delle traversate atlantiche pre-colombiane, a portare i rudimenti e le conoscenze tecniche per la costruzione delle Piramidi di Güímar!

Altre teorie meno “romantiche”, sostengono che le piramidi siano state effettivamente costruite negli anni dell’allevamento della cocciniglia, ed orientate astronomicamente per volere della Massoneria locale, un ordine molto influente a Tenerife negli ultimi secoli.

Pensate che la bellissima città de La Orotava, conta più di 300 simboli massoni disseminati tra palazzi e piazze.

Come visitare le piramidi di Güímar

Weekend Lastminute.com

Il Parco Etnografico delle Piramidi di Güímar, conosciuto anche come Majanos de Chacona, è stato fortemente voluto da Thor Heyerdahl e sostenuto dalla fondazione Fred Olsen, un armatore norvegese che vive a Tenerife.

Il parco offre ai visitatori la possibilità di ammirare da vicino queste sei meravigliose costruzioni e di porsi degli interrogativi sul come e sul perché siano nate proprio qui.

Oltre a questo, sono presenti:

  • Auditorium – con proiezioni dei filmati dedicati alle piramidi
  • Museo – interessanti, le testimonianze dei parallelismi tra vecchio e nuovo mondo già prima di Colombo
  • Sala dedicata alla navigazione

In conclusione, se siete amanti della storia, perché non scoprire il mistero delle piramidi di Güímar sulla costa orientale di Tenerife?

Come arrivare a Güímar

Güímar si trova a sud-est di Tenerife, a circa 28 Km da Santa Cruz. E’ un po’ scomoda raggiungerla in bus, meglio noleggiare un’auto, soprattutto se si proviene dal sud.

Booking.com
CONDIVIDI
Pedro Rogondino
Viaggiatore, idealista, ottimista, da sempre animo inquieto. Dopo oltre 5 anni vissuti nella grigia Monaco di Baviera, ho lasciato due lavori per vivere a Tenerife, un piccolo paradiso nell'Oceano Atlantico. Qui lavoro nel settore turistico, un mondo che da sempre mi da grandi soddisfazioni. Attraverso il mio travel blog, mi piace raccontare di questa fantastica isola, della sua storia e della sua unicità!